THE TINSELTOWN TRACKS

Hollywood in forma di suono…

TTT - logo 071

The Tinseltown Tracks | n. 071 | Cornelius: Deconstructing Music In Harmony

Keigo Oyamada, meglio noto sotto lo pseudonimo di Cornelius, sarà il protagonista della settantunesima puntata di The Tinseltown Tracks. Cornelius che nasce a Tokyo quarantotto anni fa ed esordisce nella seconda metà degli Anni 80 con il duo Flipper’s Guitar, con una musica che si muove sulla falsariga del Brit Pop inglese di quel decennio, e che — conclusa quell’esperienza — inizia la propria carriera da solista mostrandoci tutta l’ampiezza dei propri orizzonti, al punto da essere paragonato More >

TTT - logo 070

The Tinseltown Tracks | n. 070 | Child Is Father To The Man: How Music Has Reimagined Our Early Years

Child is father to the man, il bambino è padre dell’uomo, recitava provocatoriamente nel 1968 il titolo del primo disco dei Blood Sweat & Tears. Un’idea inconsueta, ma in realtà tutt’altro che astrusa, visto che è proprio dall’esperienza dell’infanzia che si gettano le basi (e la paternità) di quello che sarà l’adulto, con i suoi sentimenti, con i suoi gusti, con le sue idiosincrasie ed in generale con la sua identità. E l’adulto divenuto musicista, rappresenterà poi nella forma metaforica More >

TTT - logo 069

The Tinseltown Tracks | n. 069 | Wurlitzer: The Roaring Of A Keyboard

Come molti di voi ricorderanno, abbiamo realizzato nel corso dell’ultimo anno un ciclo di programmi monografici dedicati a quegli strumenti che hanno definito il suono della musica contemporanea. E quella lista non sarebbe completa se non comprendesse anche uno dei grandi protagonisti del vintage sound: il piano elettrico Wurlitzer. Uno strumento che ha le sue origini nell’America dei primi del Novecento e che regista un autentico boom commerciale a partire dalla fine degli anni Cinquanta, in More >

TTT - logo 068

The Tinseltown Tracks | n. 068 | Michael McDonald: One Voice

Si dice da sempre che il successo sia il prodotto di un imponderabile incrocio fra fortuna e talento. E la vicenda artistica ed umana di Michael McDonald, sembra in qualche modo voler confermare ancora una volta questo luogo comune. Nato a Saint Louis, Missouri, nel 1952, il giovane cantante e pianista, seguendo il cammino di molti altri suoi coetanei, lascia la città natale per trasferirsi a soli diciott’anni a Los Angeles in cerca di fortuna nel music business. Nella capitale californiana si More >

TTT - logo 067

The Tinseltown Tracks | n. 067 | Brainfeeder: The Story Of A Healthy Mind Control

Se è vero che da qualche anno stiamo assistendo a quello che viene descritto come un fenomeno di rinascimento della cultura afro-americana, o come viene chiamata in inglese, Black Renaissance, quel rifiorire della blackness — almeno da un punto di vista musicale — passa sicuramente attraverso gli artisti dell’etichetta Brainfeeder di Los Angeles. Un progetto nato nel 2008 sotto la guida del musicista californiano Steven Ellison, in arte Flying Lotus, che decide di raccogliere in una scuderia da More >

TTT - logo 066

The Tinseltown Tracks | n. 066 | Allan Holdsworth: The Bright Radiance Of A Comet

E’ la storia di una cometa quella che racconteremo quest’oggi. Una cometa che ha brillato per oltre cinquant’anni nel firmamento della musica, facendoci conoscere un nuovo modo di suonare la chitarra, ma soprattutto di pensare e di organizzare il suono. Una cometa chiamata Allan Holdsworth, la cui scintillante e luminosa traiettoria si è purtroppo conclusa pochi giorni fa, lo scorso sabato, nella cittadina californiana di Vista in cui viveva in una situazione finanziaria tutt’altro che More >

TTT - logo 065

The Tinseltown Tracks | n. 065 | WESMONTGOMERIZED!: SOUL, SWEAT & OCTAVES IN THE SOUND OF CONTEMPORARY GUITARISTS

Sono passati quasi 50 anni da quel 15 giugno del 1968 in cui Wes Montgomery — il grande chitarrista di Indianapolis — ci ha lasciati, lasciandoci però in dono anche un immenso patrimonio di innovazioni musicali che hanno definito il jazz e le sue derivazioni nei decenni successivi. Un’eredità che ha cambiato non solo il modo di suonare la chitarra, portandola al centro della scena e sottraendola a quel ruolo fino ad allora assegnatole di strumento di accompagnamento, ma anche l’atteggiamento More >

TTT - logo 064

The Tinseltown Tracks | n. 064 | City Pop Non-Stop: Japan And The Western Myth

Nei vent’anni anni che intercorrono fra il 1970 ed il 1990, il Giappone conosce un boom capitalistico senza precedenti che lo fa entrare a pieno titolo fra le prime tre potenze mondiali. Un miracolo economico che porta il Paese a vivere in una dimensione di iperbolica ricchezza interrotta solo dall’arrivo di una drammatica crisi che fa esplodere quella bolla di illusoria indistruttibilità lasciando nella società nipponica una ferita che per un lungo periodo non si rimarginerà. Ma nel lasso di More >

TTT - logo 063

The Tinseltown Tracks | n. 063 | Folkways: Storytelling In Acoustic

Il temine folk è diventato negli anni una di quelle definizioni generiche sotto il cui manto si raccolgono vari modi di fare canzoni accomunati, a grandi linee, da una relazione con la musica popolare tradizionale. Di conseguenza lo si tiene buono per definire tanto il suono delle radici quanto la sua evoluzione nel corso del XX secolo in varie forme e sottogeneri. Al centro della sessantatreesima puntata di The Tinseltown Tracks vi sarà quello che viene comunemente indicato come “contemporary More >

TTT - logo 062

The Tinseltown Tracks | n. 062 | Larry Carlton: The Royal Slam

Quando la ruvidezza del blues si incontra con la sinuosità del jazz, la somma ci porta inevitabilmente ad un nome, quello di Larry Carlton. Larry Carlton, classe 1948, protagonista della nostra puntata di oggi, e soprattutto protagonista indiscusso di quel chitarrismo nato negli anni Settanta — anche grazie al suo contributo — che ha saputo dar vita ad un linguaggio capace di muoversi fluidamente fra il jazz, il rock ed il blues, espandendo le possibilità espressive di ciascuno di quei tre More >

TTT - logo 061

The Tinseltown Tracks | n. 061 | Produced by Tommy LiPuma

Come ben saprà chi ci ascolta con regolarità, sin dall’inizio del nostro programma ci siamo occupati prevalentemente della musica degli ultimi cinquant’anni, un po’ perché è stata il sound della nostra formazione ed un po’ perché in qualche modo continua a definire il nostro gusto attuale. Cinquant’anni complessi, multiformi, pieni di spinte in direzioni differenti, ma accomunati da una figura che come una costante, come una “kappa” matematica, li ha definiti e li ha attraversati nella loro More >

TTT - logo 060

The Tinseltown Tracks | n. 060 | Yellowjackets: How Life Should Be If It Was A Song

In un panorama musicale come quello dei primi anni Ottanta, dominato dalla presenza ingombrante dei Weather Report, che avevano occupato la scena per tutto il decennio precedente parallelamente al jazz-rock, impregnato di umori progressive, mescolati ad un sound sudato e muscoloso, si affacciano nel panorama della musica contaminata due realtà destinate a cambiarne il suono: gli Steps Ahead a New York e gli Yellowjackets — protagonisti della nostra puntata odierna — in California. Nati in More >

TTT - logo 059

The Tinseltown Tracks | n. 059 | Wayne Shorter: All The Music In One Note

Appaiono di tanto in tanto sulla scena musicale personaggi straordinari che sembrano nati per conciliare gli opposti facendoli convivere in armonia. Figure — come si direbbe usando una parola diventata di moda oggi — ossimoriche, ovvero capaci di accostare termini in antitesi, risolvendo la loro intrinseca dialettica in una sintesi di livello superiore. Ed è stato questo lo spirito che ha informato un po’ tutta l’opera di Wayne Shorter, sassofonista, compositore e maître-à-penser del jazz More >

TTT - logo 058

The Tinseltown Tracks | n. 058 | Ed Motta: Feeding The Music

Anche in un panorama tradizionalmente fertile come quello della musica brasiliana, pieno di talenti e di idee, ed abituato a vivere il suono come una parte essenziale della propria cultura, l’apparizione di una figura geniale e rivoluzionaria come quella di Ed Motta è un po’ come la comparsa di una cometa in un cielo stellato. Perché Ed Motta rimette in discussione tutti i concetti classici ai quali siamo abituati, come quelli di appartenenza, di genere, di luogo e di epoca, dando vita ad una More >

Go to Top