TTT - logo 054Un aspetto che sempre sorprende quando si considera la biografia di alcuni dei protagonisti della bossa nova è la loro longevità artistica. Caratteristica alla quale non sfugge nemmeno Eumir Deodato, arrangiatore, compositore e pianista carioca, classe 1942, che ha cavalcato con onore oltre cinquant’anni di musica dando vita a lavori che ancora oggi sono delle pietre miliari nel loro genere.
I suoi esordi risalgono alla prima metà degli anni Sessanta, sotto l’ala protettrice di quel grande nume tutelare che fu Tom Jobim, in seguito la sua carriera prosegue e decolla definitivamente negli Stati Uniti, dove vi si trasferisce a partire dal 1967, dopo aver fatto propria la lezione di colleghi più anziani ed esperti come Lindolfo Gaya e Rogério Duprat. Pochi anni più tardi, nel 1973, arriva quella rilettura funk di “Also sprach Zarathustra” che lo consacra sulla scena internazionale. Un brano strumentale che sovvertendo le regole spesso prevedibili del music business scala le classifiche mondiali, gli vale un Grammy e vende centinaia di migliaia di copie. Da quel momento in poi, com’era prevedibile, piovono le richieste di collaborazione: dapprima Jobim, il suo mentore, e poi Frank Sinatra, Roberta Flack, Kool and The Gang, Astrud Gilberto, Paul Desmond, Milton Nascimento, Stanley Turrentine, Michael Franks, Marcos Valle e più di recente Björk (che lo chiama ad arrangiare gli archi su “Homogenic”), K.D. Lang, Vanessa da Mata e Carlinhos Brown.
Che cosa lo ha reso così peculiare? Forse la capacità, rispetto a tutti gli altri arrangiatori brasiliani successivi, di saper tradurre in forma di suono quel sentimento di giocosa joie de vivre venato di nostalgia tipico della sua generazione, quella “malandragem” ovvero quello stile un po’ mascalzone, come lo definisce affettuosamente lui stesso, che è sempre stato uno dei tratti caratteristici dello spirito brasiliano e della sua capacità di mantenersi in equilibrio fra un sorriso ed una lacrima.
Nella cinquantaquattresima puntata di The Tinseltown Tracks spazieremo su tutta la carriera di Deodato ascoltando alcuni dei suoi lavori che hanno fatto storia. L’appuntamento è per venerdì 13 gennaio alle ore 21, con replica domenica 15 gennaio alle ore 14, sempre in compagnia di Massimo Milano.

LA PAGINA DI TTTradioflash.to/programmi/thetinseltowntracks