TTT - logo 035Figlio di missionari della Georgia, Arto Lindsay — protagonista della trentacinquesima puntata di The Tinseltown Tracks — cresce nello stato di Pernambuco, nel nordest del Brasile, a cavallo fra gli anni Cinquanta e Sessanta, immerso nel sound del movimento tropicalista che proprio in quel periodo andava prendendo forma in quella area del paese sudamericano più legata alla cultura africana.
Negli anni Settanta, Lindsay lascia Recife e si trasferisce a New York, città che stava vivendo molteplici fermenti musicali e culturali — dalla disco-music alla violenta onda punk-rock — e proprio in quel contesto così composito ed in costante trasformazione diventa uno dei principali “agitatori” dando vita ad una delle prime band no wave, i DNA, facendo dell’uso dei rumori, delle dissonanze e dell’atonalità un vero e proprio codice estetico per raccontare sostanzialmente un’idea nichilistica del mondo e della vita.
Nei primi anni Ottanta, quell’approccio radicale assume una carattere via via meno spigoloso ed Arto Lindsay entra a far parte di due band di culto dell’epoca, i Lounge Lizards di John Lurie ed i Golden Palominos, in un progressivo slittamento del proprio suono verso la forma pop, che tocca il suo vertice nel progetto musicale degli Ambitious Lovers, in duo con Peter Scherer, con cui pubblica tre album che ancora oggi suonano contemporanei ed innovativi.
Seguono, fra il 1996 ed il 2004, sei importantissimi dischi da solista ed una sequenza di collaborazioni con alcuni dei più illustri maîtres à penser della scena musicale dell’ultimo trentennio. Nomi del calibro di David Byrne, Ryuichi Sakamoto, Caetano Veloso, Bill Frisell, Marisa Monte e Laurie Anderson, mentre qui da noi produce nel ’99 gli Avion Travel (in concorso a Sanremo) e, nel 2007, la cantante veneta Patrizia Laquidara.
La musica di Arto Lindsay si gioca in quelle zone di confine tra luce ed ombra, poggiando spesso su ritmi binari, frammenti di drum’n’bass o decostruzioni del samba.
Nella trentaquattresima puntata di The Tinseltown Tracks ascolteremo materiali da lui prodotti fra il 1984 e i nostri giorni.
L’appuntamento è per venerdì 22 luglio, alle ore 21, con replica domenica 24 luglio, alle ore 14, sempre in compagnia di Massimo Milano.

LA PAGINA DI TTTradioflash.to/programmi/thetinseltowntracks