TTT - logo 016Sedicesima puntata di The Tinseltown Tracks dedicata per intero a Claus Ogerman, compositore, produttore ed arrangiatore tedesco che fra il 1959 — anno del suo arrivo negli Stati Uniti — e la fine degli anni ’80 — epoca in cui decide di ritornare in pianta stabile in Europa — detta implicitamente le regole del modo di arrangiare la musica pop. Più ancora di alcuni suoi illustri colleghi quali Nelson Riddle o Johnny Mandel, che anagraficamente lo precedono, Ogerman introduce nel mondo della canzone un tipo di scrittura orchestrale, e soprattutto un uso degli archi, che fino ad allora era totalmente sconosciuto.
Una caratteristica tipica dei suoi arrangiamenti è il senso di sospensione e di dilatazione temporale, ottenute attraverso l’utilizzo di note prolungate, oppure giocando su un uso tattico delle dissonanze o intersecando e sovrapponendo piani armonici in tonalità maggiore e minore in modo da creare spesso un effetto chiaroscurale. Queste soluzioni, complesse da raccontare ma perfettamente integrate nel tessuto delle canzoni, Ogerman ha modo di sperimentarle soprattutto nei quasi vent’anni di collaborazione con il cantautore brasiliano Tom Jobim, intervallati da lavori con tutto il gotha della musica degli ultimi decenni, da Bill Evans a Barbra Streisand passando per Sinatra, Oscar Peterson, João Gilberto, Stan Getz, Sammy Davis, Wes Montgomery e molti altri autori provenienti sia dal pop che dal jazz.
L’appuntamento con Claus Ogerman è per venerdì 4 marzo, alle ore 21, con replica domenica alle 14, come sempre in compagnia di Massimo Milano.

LA PAGINA DI TTTradioflash.to/programmi/thetinseltowntracks