PaulCollier_ilSaccoDelPianetaNella puntata di domenica 24 novembre Radio Africa propone come spunto di riflessione un’analisi di Paul CollierDirettore del Centro Oxford University per lo Studio delle Economie Africane e autore del libro di successo Il sacco del Pianeta, “Petrolio trasparente per dare un Futuro ai Giovani Africani”: “Nel prossimo decennio, l’estrazione di petrolio,gas e minerali rappresenterà di gran lunga la più importante opportunità economica nella storia dell’Africa. Il continente nero è l’ultima frontiera per la scoperta di risorse,essendo stata a lungo trascurata dalle aziende minerarie a causa delle difficli condizioni politiche. Ma ora i prezzi delle materie prime e le scoperte di nuovi giacimenti sono diventati decisivi per superare le diffidenze. Però, troppo spesso nella storia dell’Africa, i soldi che avrebbero dovuto finanziare investimenti produttivi sono stati saccheggiati o sperperati.” (Il contributo di Collier è stato tradotto da John Amantchi con la collaborazione nella versione italiana di Valeria de Vicenzi. Copyright: Project Syndicate/Europe/Africa’s World 2013/11 Oxford University – England)
Per quanto riguarda la musica la novità discografica sarà Il percussionista rasta bianco Famara, nato e cresciuto a Banjul in Gambia da genitori originari della Svizzera, con l’ultima fatica discografica che è una raccolta di 20 anni di successi e ben 15 album all’attivo. Molto influenzato da Bob Marley e Alpha Blondy, l’artista gambiano è sicuramente un musicista di valore internazionale anche se poco conosciuto in Italia. Il suo repertorio si fonda esclusivamnete sul suono ipnotico giamaicano anni 70 con le sonorità afro,le tendenze dancehall, la rabbia raggamuffin, la possente elettro e il dub sincopato sui testi di grande impegno sociale cantati in bambara, swahili, inglese, spagnolo e francese.
John Amantchi e la sua squadra vi aspettano domenica dalle 12.00 alle 15.30!

➜LA PAGINA DI RAradioflash.to/programmi/radioafrica