Torino, incontro tra i candidati a sindacoSi è spento nella notte Alberto Musy.
L’ex consigliere comunale era in coma da 19 mesi dopo un agguato a colpi di pistola avvenuto nel cortile della sua abitazione nel centro di Torino il 21 marzo del 2012.
Lascia la moglie, Angelica Corporandi d’Auvare e le quattro figlie di 13, 11, 9 e 3 anni.
Questa mattina la notizia si è diffusa con grande commozione tra le famiglie dei compagni di scuola delle figlie di Musy.
Nella giornata di oggi per altro riprende il processo a Francesco Furchì, il presunto killer, arrestato un anno dopo l’agguato. Furchì, secondo l’accusa, avrebbe agito a causa di rancori scaturiti da mancati aiuti di Musy in alcune vicende, come il tentativo di acquisizione della fallita Arenaways.