tobikedi Dario Castelletti
Il 2013 è iniziato molto positivamente per le due ruote in affitto. Partiamo dai nuovi stalli che portano le stazioni a 94, sono 7 i nuovi punti dove prendere le bici gialle installati nelle prime settimane di gennaio, 2 in particolare negli ultimissimi giorniRegio Parco (all’angolo con via Parma) e Mauriziano 2 (tra corso Re Umberto e corso Rosselli).
Pertanto a breve le stazioni del TOBike dovrebbero raggiungere l’agognata quota cento. Considerando che ne erano state annunciate 116 nel 2008 (dopo ben due bandi di assegnazione deserti), aggiungendone 58 finanziate da un bando regionale e non dimenticando le 30 stazione di Grugliasco, Collegno, Alpignano, Venaria e Druento, che dall’11 luglio 2012 sono integrate nel sistema (cioè accessibili con la stessa card di ToBike), possiamo essere ottimisti per il futuro. Rimangono però un po’ di nodi:
- 500 bici a disposizione per 18.000 utenti: che dici simpatica Amministrazione, aumentiamo? Davvero un dato assurdo. È sempre più evidente cosa vuole la città, perché non assecondarla? L’assenza di risorse sarebbe una spiegazione inaccettabile.
- Torino Sud: possibile che non ci siano ancora almeno 2 stalli in corrispondenza delle stazioni del Lingotto? Sia quella della metropolitana che quella ferroviaria necessitano di un intervento il prima possibile. Anche in questo caso è incomprensibile che ancora non siano state installate.
- Metropolitana: le bici devono poter essere portate sulla metro, quelle del ToBike e quelle private. Un vagone ogni due treni a disposizione delle biciclette e poche discussioni.

➜A MARZO 2012 SCRIVEVAMO: TOBIKE ARRIVA A 72 STAZIONI ATTIVE