billfay.11298alt…il 2013 del primo appuntamento nel clock di Flash Town inizia con Bill Fay! La storia di Fay è davvero particolare: esordisce nel 1967 con il singolo Some Good Advice/Screams in the Ears , per l’album d’esordio, l’eponimo Bill Fay, si deve spettare però per ben tre anni. A stretto giro di posta, nel 1971, esce il suo secondo album Time of the Last Persecution e questo lavoro, più rock del primo, viene devastato dalla critica che addirittura dipinge uno stato mentale precario dell’artista forse principalmente a causa dei testi particolarmente pessimistici delle canzoni. Risultato: successo di pubblico praticamente inesistente e ciao ciao contratto con la Decca.
Bill Fay quindi quasi scompare, ma grazie all’interessamento di Jeff Tweedy (Wilco) e David Tibet (Current 93) il nome del nostro ritorna a galla alla fine del secolo. Per l’etichetta di Tibet esce quindi il terzo unreleased album, a nome Bill Fay Group, Tomorrow Tomorrow Tomorrow (2005) contenente brani registrati tra il 1978 e il 1981. Dello stesso periodo è pure From the Bottom of an Old Grandfather Clock (2004), collezione di demos e rarità. Il materiale più corposo è presente invece in “Still some light(2010) una ricca raccolta di due cd con molte chicche nascoste.
Fay si convince quindi a ritornare in studio per registrare nuovi brani e per l’occasione raccoglie intorno a sé il chitarrista Ray Russell ed il batterista Alan Rushton che avevano collaborato con lui in occasione del secondo album. Questo nuovo album, Life Is People (in cui appare per altro Tweedy ai cori nel brano This World) è uscito nell’agosto del 2012 e molti l’hanno considerato il miglior disco del 2012…
Noi lo ascolteremo dalla puntata di Flash Town #62 del 7 gennaio e sarà quindi il primo Disco Town del 2013…